Ripartire dalle periferie, dagli ultimi, senza dimenticare l’ambiente

Il percorso “Rigenerare legami comunitari”, promosso dal Mo.V.I. Campania in collaborazione con altre realtà e reti associative, continua. Il terzo appuntamento formativo, dal titolo “Ripartire dalle periferie, dagli ultimi, senza dimenticare l’ambiente”, si è svolto il 7 maggio presso la sede dell’associazione Paideia di Salerno.

L’incontro è nato da un’importante presa di consapevolezza: il delicatissimo momento che stiamo attraversando, in cui i problemi globali come guerre ed epidemie si riverberano rumorosamente anche a livello locale, siamo chiamati ad interrogarci sui percorsi che il mondo del volontariato e della cittadinanza attiva possono intraprendere per rispondere ai bisogni dei nostri territori.
L’incontro formativo è stato quindi l’occasione per ragionare insieme sulle modalità più efficaci per costruire risposte corali, comunitarie e strutturali alle esigenze delle nostre comunità.

Scarica qui la locandina dell’evento!

Puoi ripercorrere gli interventi centrali della giornata formativa sulla pagina Facebook del Mo.V.I. Salerno:

Presentazione del tema e della giornata, a cura di Paolo Romano
https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=2998649063759985&id=100008447615443

Interventi:
-“Ferite e speranze dei nostri territori”, a cura di Matteo Prodi, PFTIM Sez. San Luigi
-“Disagio sociale e periferie: una chiave di lettura”, a cura di Massimo Del Forno, Osservatorio Politiche Sociali Università degli Studi di Salerno
Testimonianze di:
-Matteo Marzano – Associazione “L’Abbraccio”
-Antonio Memoli – Ufficio problemi sociali e del lavoro Diocesi di Salerno-Acerno-Campagna
https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=2998659883758903&id=100008447615443

Leave a reply